Skip links

La nostra Venezia compie 1600 anni!

La fondazione della città di Venezia, che secondo la tradizione risale al 421, quando a Rivus Altus (Rialto) iniziò l’edificazione di una chiesa, l’attuale San Giacometto, proprio a pochi passi dalla sede della nostra agenzia.

Lo scorso 25 marzo 2021 Venezia ha quindi tagliato il traguardo dei 1600 anni. 

Per festeggiare questa importante ricorrenza sono stati programmati eventi per un anno intero, fino al 25marzo 2022, virtuali e in presenza, per celebrare questa città unica al mondo.

Quale migliore occasione per visitare Venezia? Magari organizzando il tuo evento aziendale proprio qui!

Venezia, oltre ad essere il palcoscenico più bello del mondo, i suoi grandi eventi tradizionali offrono tante opportunità per le aziende nel creare un evento nell’evento.

Uno dei nostri punti di forza è quello di essere radicati nell’unicità di Venezia, vantaggio che consente particolari collaborazioni e realizzazioni di eventi di ogni genere con un tocco creativo che solo chi vive a Venezia può offrirvi. 

Grazie all’abilitazione a Tour Operator DMC siamo in grado di offrire servizi completi e interamente TAILOR MADE. Renderemo unica la vostra esperienza facendovi vivere la Venezia più autentica.

Di seguito abbiamo raccolto qualche curiosità che forse non sapevi sulla nostra città.

Cose che forse non sai su Venezia!

Eccoti qualche chicca!

Venezia è ricca di dettagli, di angoli con storie da raccontare e con un passato affascinante. Impossibile fare un passo senza incontrare uno scorcio particolare, un oggetto o una scritta in grado di richiamare l’attenzione.

Lo Sapevi che….Venezia era chiamata la “Serenissima” perchè la dea Reitia, venerata dai Veneti era nota anche come la “splendida” o la “serenissima” e da qui l’appellativo. Non solo, Reitia, secondo quelle popolazioni, era anche uno dei nomi del pianeta Venere, dal quale pare derivare il nome attuale dell’intera regione, nonché quello della stessa Venezia.

Lo Sapevi che….Venezia aveva un calendario tutto suo

Prima dell’introduzione del calendario gregoriano, il 4 ottobre 1582, in Veneto, a Venezia e, di conseguenza, in tutti i territori della Serenissima i mesi si contavano in modo diverso.

Proprio come nell’antica Roma, anche in nella Serenissima il primo mese dell’anno era marzo: inizio della primavera e simbolo di rinascita.

A livello linguistico, questo spiega anche perché settembre, ottobre, novembre e dicembre si chiamano in questo modo: sono rispettivamente il settimo, l’ottavo, il nono e il decimo mese a partire dal primo giorno dell’anno. Non solo, febbraio sarebbe il più corto proprio perché, inizialmente, era l’ultimo dell’anno.

Il calendario gregoriano stravolse le usanze venete e per evitare troppi problemi, nei documenti ufficiali, la Repubblica decise di continuare a utilizzare il calendario veneto, ma scrivendo a lato di ogni data le lettere “m.v.”, ossia mòre veneto, “alla maniera veneta”.

Lo Sapevi che….Venezia istituì degli esecutori contro la bestemmia

Iniziarono a comparire nel 1537, quando la Repubblica decise di contrastare appositamente la profanazione e le bestemmie, apparentemente molto comuni in città.

Camminando per le calli di Venezia potete vedere, soprattutto vicino alle chiese, delle lapidi davvero particolari: quelle degli Esecutori contro le bestemmie.

Oggi le lapidi degli esecutori ancora visibili sono circa una decina. Si possono trovare sulla chiesa di San Polo, su quella di San Giacomo dell’Orio, di Sant’Andrea de la Zirada o di Santo Stefano.

Vuoi vivere un’esperienza indimenticabile a Venezia?  Contattaci per scoprire le nostre proposte!